Cerca powered by Google

Il canone di abbonamento radio-televisivo RAI per i pubblici esercizi

Le caratteristiche dell'abbonamento

Avv. Andrea Pellissier

23 Febbraio 2007

In Italia, come nella maggior parte dei paesi europei, il canone di abbonamento rappresenta la principale fonte di finanziamento del servizio pubblico radiotelevisivo (RAI).
Il canone è una imposta sul possesso o sulla detenzione dell'apparecchio radiofonico o televisivo, e per legge deve essere pagato da chiunque detenga uno o più apparecchi, indipendentemente dall'utilizzo o meno degli stessi e dalla scelta delle stazioni radio che si decide di ascoltare o delle emittenti che si decide di guardare (R.D.L. 21 febbraio 1938 n. 246).
In Italia esistono due tipi di canone: quello ordinario e quello speciale.
Il canone ordinario è dovuto da chi possiede o detiene l'apparecchio televisivo in ambito familiare; il canone speciale, invece, è dovuto da chi possiede o detiene uno o più apparecchi in locali aperti al pubblico o comunque al di fuori dall'ambito familiare.
In particolare, il canone speciale riguarda la detenzione di uno o più apparecchi radiofonici o televisivi nell'esercizio di un'attività commerciale e a scopo di lucro diretto o indiretto (ad es. alberghi, bar, ristoranti, uffici, ecc.).
Va evidenziato che l'importo del canone di abbonamento speciale non è unico, ma varia a seconda del tipo di attività svolta (es. bar, ristorante, hotel, ecc.) e della categoria.
Nel caso del canone di abbonamento speciale, l'importo può essere dedotto dal reddito d'impresa, qualora sussistano i presupposti fiscali ai sensi del D.P.R. n. 917/1986.
L'abbonamento speciale è strettamente personale e per gli esercizi pubblici deve essere intestato al titolare della licenza.
In caso di cessione degli apparecchi o di cessione o cessazione dell'attività, deve essere data disdetta dell'abbonamento alla RAI nei termini e con le modalità stabilite.
Ai sensi della normativa vigente il pagamento del canone può essere effettuato in una unica soluzione o a rate.
Si ricorda che qualora la scadenza del termine per il pagamento del canone cada di sabato o di giorno festivo il pagamento è considerato tempestivo se effettuato il primo giorno lavorativo successivo (art. 6, comma 8, decreto legge 31 maggio 1994, n. 330, convertito nella legge 27 luglio 1994, n. 473).

I Flip Magazine di Bargiornale

Tutti i Flip Magazine di Bargiornale

Le newsletter di Bargiornale

Iscriviti

Tutte le Newsletter di Bargiornale

Iscriviti alla newsletter di Bargiornale

Ragione sociale
*campo obbligatorio
Nome locale (se diverso)
Cap
*campo obbligatorio
E-mail
*campo obbligatorio
Tipo locale *campo obbligatorio
Altro
Settori di interesse *campo obbligatorio
Altro
È necessario autorizzare il trattamento dati Visualizza Informativa sulla Privacy


Le ultime uscite Archivio copertine

  • bargiornale 09_13 Sour Rassegna prodotti ottobre 2013
  • bargiornale 08_13 Collins Rassegna prodotti settembre 2013
  • bargiornale 07_13 Cobbler Rassegna prodotti luglio/agosto 2013
  • bargiornale 10_13 Eggnog Rassegna prodotti novembre 2013
  • ristoranti 08 dicembre 2013 Schiava Rassegna prodotti dicembre 2013
Archivio Rassegne
Archivio Osservatorio
Agenda
Aprile 2014
L
M
M
G
V
S
D
 
01
02
03
04
05
07
08
09
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Vinitaly 2014 Il Salone di riferimento per il mondo del vino torna con quatttro giorni di rassegne, degustazioni e workshop ... (06 Aprile 2014)

New Business Media

New Business Media Srl. Tutti i diritti riservati.

Sede legale Via Eritrea 21 - 20157 Milano - Codice fiscale, Partita IVA e Iscrizione al Registro delle imprese di Milano: 08449540965