Grazie Napoli! Oltre 500 partecipanti alla tappa finale di Baritalia

È finita in bellezza. La quarta tappa di Baritalia, il nostro laboratorio di ricerca itinerante, si è chiusa con adesioni record: la giornata di Napoli ha registrato oltre 500 partecipanti, che hanno affollato la Sala Galatea della Stazione Marittima per tutta la durata della manifestazione. A rispondere con interesse e partecipazione all’invito di Bargiornale sono stati bartender da tutto il sud: sono arrivati in tanti dal Lazio, dalla Puglia (da Barletta hanno addirittura organizzato un pulman), dalla Calabria e da altre aree d’Italia.

Particolarmente seguite le testimonianze di Dario Comini del Notthingham Forest di Milano e Laurent Greco del MojitoLab di Parigi, guidici dell’ultima tappa, hanno tenuto incollati alle sedie i bartender in platea raccontando anneddoti e trucchi del loro lavoro e finendo in decine di selfie.

Grande attenzione anche per i seminari tecnici: Edoardo Banfi di Campari Academy ha spiegato come l’utilizzo di oli essenziali per profumare i cocktail possa arricchire la percezione sensoriale del cliente e influenzarne l’umore, mentre Alessandro Cattani di Fabbri 1905 ha fatto assaggiare diversi drink alla granatina.

Ad Alessandro Melis di Rg Commerciale è toccato il compito di fornire nuove suggestioni e suggerimenti di lavoro basati sull’utilizzo di strumenti - dal due pezzi allo yarai - provenienti da altri Paesi.

Tre le ricette presentate: il Demi Froid di Caffè Kimbo, invenzione di Carmine Castellano, la bruschetta mediterranea piccante, realizzata dallo chef Cristian Baiocchi di Greci e l’insalata di cous cous allo zafferano e piccole verdure con gamberi marinati e boccone di bufala campana Dop presentata dallo chef Antonio Fusco di Orogel.

 

ALTRI OTTO COCKTAIL PER LA NOSTRA CARTA

Sono cambiati molti dei protagonisti, ma non il risultato: l’alto livello qualitativo messo in campo dai sette team in gara, ognuno dei quali impegnato a realizzare tre drink: un italiano rivisitato, un internazionale rivisitato e uno sweet drink.

Ecco i cocktail, squadra per squadra, che si sono aggiudicati il diritto di far parte della Carta per l’Expo che Bargiornale pubblicherà nel 2015 (l’ordine è quello in cui si sono esibite le squadre, stabilito per sorteggio):

Martini

Italiano rivisitato: Toledo Cobbler, eseguito da Nino Siciliano

 

Fabbri 1905

Internazionale rivisitato: Long Peninsula, Rosario Tea, eseguito da Cinzia Ferro

 

Campari

Internazionale rivisitato: Il passionale, eseguito da Bruno Vanzan

 

Turin Vermouth

Italiano rivisitato: Il savonese, eseguito da Vanessa Vialardi

 

Lucano

Italiano rivisitato: Un americano a Pisticci, eseguito da Guglielmo Miriello

 

Branca

Italiano rivisitato: Un bellissimo aperitivo, eseguito da Patrick Pistolesi

 

Compagnia dei Caraibi

Sweet drink: Pastiera rulez, eseguito da Mirko Turconi

 

L’ottavo cocktail a entrare di diritto nella Carta per l’Expo è l’nternazionale rivisitato Punch à porter eseguito da Omar Vesentini della squadra di Lucano, che ha ottenuto il punteggio più alto nella tappa di Napoli.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here