Violazioni edilizie e urbanistiche

Una sentenza di interesse anche per gli albergatori (T.A.R. Lazio 8 giugno 2005, n. 4655)

La chiusura di una veranda senza concessione rientra tra gli interventi abusivi di ristrutturazione edilizia, la cui repressione comporta l'ingiunzione ex art. 9 l. 28 febbraio 1985 n. 47, diretta alla spontanea rimozione dell'abuso, e, allo scadere del termine all'uopo fissato, la demolizione d'ufficio, a spese del responsabile, o, se il ripristino non sia possibile, l'irrogazione di una sanzione pecuniaria pari al doppio dell'aumento di valore dell'immobile conseguente alla realizzazione dell'opera, da determinarsi con riguardo alla data di ultimazione dei lavori.



T.A.R. Lazio Roma, sez. II, 08 giugno 2005, n. 4655


CONDIVIDI

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome