Ricerca del personale, una corsa a ostacoli per molti gestori

Trovare un collaboratore è impegnativo ì, specie se fa tutto il gestore. La fase più difficile? Quella della selezione dei candidati

La selezione e la gestione del personale vengono considerate uno dei problemi principali da affrontare. Sono le attività più impegnative in termini di tempo. Occorre saper coniugare le necessità dell’azienda con la disponibilità e le esigenze dei lavoratori, diverse dal passato, considerando,  anche qui, i nuovi trend: dalla preferenza per l’orario continuato, a formazione e flessibilità, dalla minor propensione a fare straordinari al benessere dell’ambiente lavorativo. «Le difficoltà legate alla ricerca, selezione e gestione del personale, sono diventate negli anni uno dei primi motivi di abbandono dell’attività imprenditoriale - osserva Oscar Galeazzi, fondatore di LavoroTurismo.it, sito dedicato alla ricerca del personale nel mondo dell’ospitalità -. Molti hanno deciso di chiudere l’impresa per le difficoltà di reperire personale. Le aziende più esposte su questo fronte sono i bar, seguiti dai ristoranti; le attività stagionali, per mancanza spesso di alloggio, hanno criticità ancor maggiori». Da un’indagine condotta dal sito LavoroTurismo.it sugli imprenditori del mondo dell’ospitalità (bar, alberghi e ristoranti) risulta che 6 aziende su 10 hanno il “problema personale”. Gli imprenditori, in numero sempre maggiore, evidenziano che la gestione di questo aspetto è diventata il loro primo problema, l’attività che assorbe maggiori risorse in termini di tempo e la più difficoltosa da gestire.

«Ogni manuale insegna che la gestione del personale è da considerarsi una risorsa, non un problema -, continua Galeazzi -. Però se ci si mette nei panni del piccolo imprenditore, questo approccio non è sempre facile. Pubblichi un’offerta di lavoro e si propongono persone che per il 90% non hanno i requisiti ben specificati nell’offerta, selezioni le persone che rispondono alle tue esigenze, li contatti, prendi appuntamento e molti non si presentano, senza neppure una telefonata, una mail, un sms. Oppure confermi una persona e poco prima di iniziare ti dice che ha trovato un lavoro migliore. Lo assumi e dopo breve si licenzia per i motivi più diversi».

Lo stile partecipativo

Le grandi aziende sono strutturate con personale apposito, ma nelle piccole e medie imprese, che rappresentano la maggioranza in Italia, l’attività di ricerca del personale ricade spesso direttamente sull’imprenditore, che spesso lo fa male e mal volentieri. «Per un piccolo imprenditore la ricerca di personale è diventata progressivamente un impegno sempre più gravoso - aggiunge Galeazzi - . Se chiediamo loro se sia più facile gestire la clientela o i collaboratori, possiamo essere certi che gran parte indicherà la seconda opzione. Gestire le persone è difficile e richiede un’attività continua»,

Ci sono imprenditori che adottano lo stile partecipativo, condividendo al massimo le decisioni, altri hanno un approccio più aziendalistico-autoritario, altri ancora hanno uno stile intermedio, consultivo. «Secondo gli esperti lo stile più efficace è quello partecipativo, mentre i più pratici optano semplicemente per “quello che funziona”, perché poi ogni azienda ha la sua realtà e i suoi collaboratori. In ogni caso, la cosa più importante nella gestione del personale sono i fondamentali: rispetto delle persone, mantenimento degli impegni presi, correttezza nei rapporti».

Giorni liberi e benessere  

Può essere utile tenere presente che ci sono dei trend delle richieste dei collaboratori, che oggi sono molto diverse rispetto a quelle del recente passato. Considerando il giorno libero, sono ad esempio spesso richiesti due giorni liberi continuativi e c’è una forte preferenza per l’orario continuato.

Anche la flessibilità è apprezzata, visto che i collaboratori prediligono le realtà che offrono flessibilità oraria e di giorni lavorativi. Per quanto riguarda gli straordinari, i collaboratori in passato tendevano a apprezzare la possibilità di lavorare più ore o più giorni e guadagnare più denaro, mentre in gran parte oggi preferiscono lavorare meno e guadagnare meno.

«Per esempio fino a non molti anni fa il lavoro stagionale era caratterizzato da assenza di giorno libero e orari di lavoro che superavano abbondantemente le 40 ore settimanali - sostiene Galeazzi -, a fronte di stipendi molto più elevati degli impieghi a tempo indeterminato.Oggi questo tipo di proposta è considerata molto meno appetibile».

Un altro aspetto da non sottovalutare è il benessere. «I lavoratori vogliono stare meglio sul luogo di lavoro - afferma l’esperto -. Quindi si richiede da parte dei gestori una maggiore attenzione al clima, agli spazi di lavoro, all’ergonomia. È una richiesta che conviene soddisfare, perché il collaboratore lavorerà meglio, in modo più veloce e finirà per fare meno assenze per malattia.

Non vanno dimenticate le tante possibili opzioni di contratto disponibili (part time, contratti a chiamata ecc.): «Prenderle in considerazione tutte consente di scegliere di volta in volta la più adatta per far combaciare le esigenze dell’azienda con quelle delle persone».

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome