È Mattia Pastori il campione italiano World Class 2016

È Mattia Pastori ad aggiudicarsi la finale italiana del Diageo Reserve World Class 2016, la competizione internazionale dedicata all’arte della mixology istituita da Diageo Reserve. Grazie a questa vittoria, il bar manager del Mandarin Bar del Mandarin Oriental di Milano stacca il biglietto per Miami (Stati Uniti), dove, nella finale globale del contest, se la vedrà con i campioni provenienti da 50 paesi per conquistare il titolo mondiale.

A sfidarsi nella finale nazionale al Fabrique di Milano dieci concorrenti, selezionati tra gli oltre 400 iscritti al concorso: oltre a Pastori, Mirko Turconi, Luca Vezzali, Emilia Maria Boboc, Gianluca Manolio, Toel Colombo, Alessandro Avilla, Jan Bruno Di Giacomo, Matteo Di Ienno, Nicola Ruggiero.

I pretendenti si sono confrontati in una serie di prove che hanno messo in gioco la loro creatività e abilità tecnica, utilizzando i prodotti Reserve, una gamma di spirit e distillati del portfolio luxury di Diageo che comprende il gin Tanqueray No. Ten, il whisky single malt Talisker, Bulleit Bourbon, la vodka Ketel One, il rum Zacapa e il tequila Don Julio.

Dalle prime due prove, The Sensorium Castle, preparazione di un cocktail a base di whisky Talisker Skye, e Night&day, preparazione di drink pre e after Sunset con gin Tanqueray No. Ten, la giuria internazionale ha selezionato i quattro bartender che si sono affrontati nella gara finale, The box of secrets: Pastori, Di Ienno, Ruggiero e Turconi.

_CON1722

Nello scrigno segreto, i quattro pretendenti al titolo di Miglior Bartender d’Italia World Class 2016 hanno trovato gli ingredienti con i quali realizzare le loro ultime creazioni e convincere la giuria composta da: Dario Comini, patron del Nottingham Forrest di Milano, Erik Lorincz, capo barman dell’American Bar del Savoy Hotel di Londra, Spike Marchant, global brand ambassador Diageo, Claudio Perinelli, vicecampione mondiale World Class 2014, Daniel Dove, brand ambassador Diageo nel Regno Unito, e Stephanie Jordan, global ambassador di Tanqueray.

A spuntarla è stato Mattia Pastori, che ha convinto i giudici con il suo Take a break in Milano a base di Jinzu, il distillato a lui toccato in sorte, conquistandosi il diritto a puntare al tiolo di Diageo Reserve World Class Bartender of the Year 2016 nella finale globale in programma a settembre.

 

Le ricette di Mattia Pastori

Take a break in Milano

Mattia Pastori - Take a Break in Milan

Ingredienti:  

4 cl Jinzu, 3 cl Bitter Rossi d’Angera, 2 cl Porto Rosso Ruby, 1 dash bitter alla lavanda, 2 cl sherbert di arancia e cranberry, scorza di arancia spruzzata

 

Flirt in Miami (before sunset)

Mattia Pastori - Flirt in Miami

Ingredienti:

4 cl 4 cl Tanqueray No. Ten, 3 cl Miami Shrubs, 2 cl sciroppo ananas, affumicatura al tè speziato.

Decorazione:

scorza di limone nero essiccato

Preparazione:

Shakerare gli ingredienti e versare in un bicchiere fantasy che verrà affumicato in una speciale scatola.

Bicchiere:

Fantasy

 

The Englishman’s trip to Little Havana (after sunset)

Mattia Pastori - The Englishman's trip to Little Havana

Ingredienti:

4 cl Tanqueray No. Ten infuso con trucioli di legno Sherry Pedro Ximénez 1945 e fave di cacao, 1 cl China Clementi, 3 cl Antica Formula, 1 barspoon aceto di riso, cristalli di tabacco, granelle di cioccolato 75%

Preparazione:

versare e miscelare gli ingredienti in un mixing glass. Servire in coppa cocktail e decorare con tabacco e granelle di cioccolato. Accompagnare con piccoli dolcetti.

Bicchiere:

coppa cocktail

 

Wave on the rocks

Ingredienti:

4 cl Talisker Skye, 3 cl Wild Sky Syrup (sciroppo di alghe, betulla, oli essenziali di pino), spura di ostrica, 1 barspoon aceto Jerez

Decorazione:

cetriolo fresco, ostrica fresca, polvere di lamponi

Preparazione:

versare gli ingredienti in un mixing glass, miscelare e servire nel bicchiere con ghiaccio alle alghe. Finire con la spura di ostrica e polvere di lampone. Decorare con cetriolo fresco e ostrica al cucchiaio.

Bicchiere:

Tumbler alto

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here