Dare nuova vita a vetri e vetrine

Tecnologia –

Le nuove pellicole decorative si prestano a molteplici scopi: privacy, estetica, comunicazione. Facili da installare, durano a lungo. La gamma 3M Fasara

La vetrina è una delle zone del locale più importanti e, al tempo stesso, forse quella più trascurata. La superficie vetrata di un bar che si affaccia sul marciapiede è il primo strumento con cui si può comunicare alla clientela, quello da cui traspare l’immagine di un locale. Raccomandazioni su come utilizzarla al meglio si sprecano e cambiano anche rispetto alla tipologia del locale.
Per esempio, troppa trasparenza può essere controproducente: non tutta la gente seduta all’interno a mangiare ama sentirsi in vetrina e osservata dai passanti. Però è anche importante che chi passa fuori dal locale abbia la possibilità di dare un occhiata all’interno per poterlo valutare e decidere se entrare o meno per una consumazione. Non solo. La vetrina è anche, se ben sfruttata, un potente strumento di marketing, attraverso il quale si può indirizzare un preciso messaggio al passante. Per esempio mostrando menù, vetrofanie o altri strumenti di comunicazione visiva capaci di informare il potenziale cliente dei punti di forza della casa. «È un po’ la funzione - dice Carlo Meo, esperto di marketing e docente del Poli.Design di Milano - che da sempre ricoprono i cartelloni dei gelati, ormai parte della nostra cultura collettiva, su cui basta riprodurre l’effigie di un prodotto, ben noto al pubblico, per indurre al consumo». Molti prodotti serviti dal bar, dal caffè al toast, al panino hanno un potente effetto evocativo sulla clientela italiana: basta un richiamo accennato, anche stilizzato in vetrina per lanciare un messaggio al passante. Sul potere commerciale della vetrina si stanno però sperimentando nuove soluzioni. Una tecnologia interessante è quella delle applicazioni adesive di elevata qualità, che possono essere applicate alle vetrate piane di una vetrina per cambiarne completamente l’aspetto. La multinazionale 3M, specializzata nello sviluppo di pellicole e film, ha messo per esempio a punto una pellicola architettonica, Fasara, realizzata in diverse fantasie e decorazioni, che applicata a un vetro lo trasforma come se fosse stato sottoposto a una lavorazione, come una smerigliatura o un’acidatura. La pellicola Fasara è stata impiegata per la personalizzazione di diversi bar, sia per rendere opaca la parte inferiore delle vetrine, e garantire privacy alla clientela, sia per riprodurre motivi, come il logo del locale, in maniera discreta ed elegante. L’applicazione è semplice e la durata molto elevata, con il vantaggio che si può modificare la vetrina quando si vuole senza dover smontare il vetro.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here