Con l’aria pulita si lavora meglio

Bar e Ristoranti –

Depurare l’ambiente non è importante solo per le sale fumatori. Migliora il comfort e le condizioni del locale

La qualità dell'aria in un locale pubblico è un aspetto fondamentale. Non soltanto per quanto riguarda il rispetto della norma contro il fumo, la legge n. 3 del 16 gennaio 2003, entrata in vigore a partire dal 2005. Al di là dell'inquinamento da sigaretta, infatti, dovunque funzionino apparecchi per la cottura dei cibi, dalle cucine professionali alle semplici piastre per i panini, si disperdono nell'ambiente particelle di materiale combusto che possono essere dannose per la salute. E si diffondono inoltre odori che possono impregnare i vestiti e risultare sgradevoli alla clientela. Come risolvere il problema?

Le soluzioni sono tante. È fondamentale ottenere un buon ricambio d'aria che, se si vuole allestire una sala fumatori, deve essere molto elevato, almeno 108 m3 d'aria all'ora per persona. Per garantirlo occorrono soluzioni ad hoc e costose, con la realizzazione di una presa d'aria sull'esterno del locale e di una canalizzazione attrezzata con aspiratori, che a loro volta devono essere dotati di filtri per eliminare le impurità dell'aria esterna. Se non si ha l'esigenza di creare un locale antifumo, il ricambio d'aria può essere garantito dall'impianto di condizionamento, a patto che questo sia realizzato con un sistema split o multisplit. Questi condizionatori sono costituiti da un'unità esterna, che aspira l'aria e la convoglia all'interno del locale, e da una o più unità interne, che non solo sono dotate di filtri, ma controllano anche il livello di umidità, migliorando il comfort ambientale. In alcuni casi i condizionatori sono dotati anche di ionizzatori, che arricchiscono l'aria di ioni negativi, proprio come avviene dopo i temporali, quando le polveri si abbattono e si respira meglio.

Per il dimensionamento dell'impianto di condizionamento è indispensabile rivolgersi a un impiantista esperto, che sappia calcolare la potenza dell'unità esterna e il numero degli split interni in base alla metratura del locale. Un buon impiantista è in grado anche di consigliare la soluzione migliore per risparmiare energia, visto che i condizionatori consumano molto. Tra le soluzioni tecniche a disposizione ci sono le pompe di calore, ma anche impianti che funzionano con l'energia solare, a gas e perfino a idrogeno, la risorsa energetica più pulita.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here