Campari rinnova lo stabilimento Crodo

Investimenti –

La cresente richiesta di prodotti top come Crodino spinge il gruppo Campari a moltiplicare la produzione

0
false

14

18 pt
18 pt
0
0

false
false
false

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:"Tabella normale";
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:"";
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:12.0pt;
font-family:"Times New Roman";
mso-ascii-font-family:Cambria;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:"Times New Roman";
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Cambria;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;
mso-bidi-font-family:"Times New Roman";
mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Prosegue l'opera di rinnovamento delle linee di produzione
dello stabilimento Crodo, in valle Antigorio (Vb), a pochi chilometri da
Domodossola. Di proprietà del gruppo Campari, lo stabilimento sorge accanto
allo storico stabilimento termale di Crodo e imbottiglia prodotti di successo
come l'aperitivo analcolico “biondo” Crodino, oltre alle bibite Lemonsoda,
Oransoda, Pelmosoda e all'acqua oligominerale Lisiel. L'acqua utilizzata
proviene dalla vicina e omonima sorgente situata in una zona boscosa
incontaminata a 510 metri di altezza con una portata pari a ben 130 mc/h.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here