Starbucks, la carica dei 500 aspiranti partner

Colloqui, la scoperta del vasto mondo della Multinazionale, con i caffè delle Reserve Roastery e il pane firmato Princi in occasione di un evento a Milano con una prima selezione di potenziali partner.

Estrazione in french press durante l'evento a Milano.

Da quanto ha lanciato la pagina del sito dedicata alle assunzioni il 2 febbraio, Starbucks ha ricevuto più di cinquemila candidature per circa 150 ruoli nella nuova sede milanese (per lo più contratti full-time a tempo indeterminato) che aprirà a fine 2018. Una prima selezione è stata effettuata e 500 di potenziali partner, come la Multinazionale definisce i suoi dipendenti, sono stati chiamati a un evento a Milano presso il Palazzo della Permanente in via Turati.

Durante la giornata si sono svolti colloqui di lavoro.

Per molti si è trattato di un’esperienza non solo emozionante, ma anche nuova per la realtà dei caffè presentata: hanno potuto gustare alcune varietà Starbucks Reserve, nonché osservare la realizzazione di estrazioni a filtro. L’incontro è stata un’occasione per conoscere da vicino la storia di Starbucks, presentata da Martin Brok, presidente per l’Europa, il Medio Oriente e l’Africa, e comprendere il ruolo centrale che avranno i partner nel dare vita all’esperienza del brand nella sua prima sede italiana. “Sono passati più di 35 anni da quanto il nostro amministratore delegato Howard Schultz ha conosciuto per la prima volta la magia dei caffè milanesi – ha dichiarato -. Da allora ha ricreato quella sensazione di comunità, nei negozi del mondo intero. È per questo motivo che le persone sono sempre state così importanti per noi. Oggi vogliamo condividere questa nostra passione con un nuovo gruppo di partner candidati. Le persone assunte saranno coinvolte in prima linea nel ricreare quella magia per i nostri nuovi clienti italiani”.

Estrazione con V60.

L’emozione e l’entusiasmo dei convenuti sono stati sottolineati da Giampaolo Grossi, general manager del locale della Reserve Roastery milanese che ha inoltre sottolineato: “Starbucks ha sempre investito nelle persone per creare opportunità durature di carriera. Oltre alla passione per l’arte della caffetteria e della torrefazione, cerchiamo anche individui con grande personalità e con le conoscenze e l’atteggiamento giusto. Oggi vogliamo celebrare questo fondamentale passo che stiamo facendo verso la prossima apertura insieme al nostro futuro team”.

Durante l’evento i candidati, hanno fatto i colloqui e avuto l’opportunità di parlare con alcuni partner di Starbucks della loro esperienza di lavoro: si cercano anche figure professionali legate a Princi, i cui panifici esaltano “il principe degli alimenti”, partner esclusivo per il food di tutte le sedi Starbucks Roastery. In tutto saranno oltre 300 le nuove opportunità di lavoro create a Milano entro la fine del 2018.

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome