Diamant, hotel di lusso nel cuore di Sydney

L’Australia va di moda. Al cinema, con divi del calibro di Nicole Kidman, Cate Blanchett e del gladiatore Russell Crowe, nelle hit musicali, che vedono bellezze australi come Kylie Minogue e Natalie Imbruglia. Ma il quinto continente è diventato “in” pure sulle passerelle, con modelle top come Megan Gale e marche vendute anche in Italia, come Mimco e Lisa Ho.

Insomma, l’Australia fa tendenza. E un simile fermento creativo sta cambiando anche il volto delle città, Sydney in primis. Se prima era conosciuta quasi esclusivamente per le bianche vele dell’Opera House, adesso la capitale del Nuovo Galles del Sud si è trasformata in una metropoli vibrante, culturalmente attiva e molto trendy, con locali e ristoranti aperti giorno e notte.
Il vento di vitalità e dinamismo ha coinvolto anche il mondo degli hotel.

Il nuovo lusso australiano
L’esempio più recente di questo restyling cittadino è rappresentato dall’apertura del Diamant Hotel. Un albergo “boutique” ospitato in un moderno palazzo nel cuore della città. Dal design contemporaneo – il nuovo albergo di lusso è frutto della radicale ristrutturazione di un edificio preesistente – il Diamant sorge su Kings Cross Road, alle porte della nightlife di Sydney e in posizione strategica per raggiungere tutte le attrazioni cittadine, dalle spiagge ai centri commerciali. L’apertura a Sydney è il primo passo dello sviluppo del neonato marchio Diamant, che fa capo a Eight Hotels Australia. A breve sarà inaugurato anche un secondo albergo a Canberra.

Le parole d’ordine della catena sono “qualità e valore”. Un concetto che comprende sia una politica tariffaria strategica – fornire i migliori servizi ai prezzi più competitivi del mercato – sia una filosofia d’accoglienza che si basa sulla cura dell’ospite e delle sue esigenze. Tornando a Sydney e al primo Diamant, quello che colpisce da subito è il lusso, discreto e profondamente elegante. Uno stile fatto di dettagli preziosi, come le scelte cromatiche.

Le camere
Nelle camere, tutte con vista mozzafiato, sono invece i materiali – ispirati all’Art Decò – a rendere calda e accogliente l’atmosfera: tessuti pregiati alle pareti, morbida moquette sul pavimento, legno scuro per i mobili e le boiserie, pelle nera per i rivestimenti. Nelle intenzioni dei progettisti d’interni, lo studio Archers & Right Interiors, le camere e gli spazi comuni del Diamant Sydney dovevano comunicare non solo comodità ed eleganza, ma anche generosità e sensualità, le caratteristiche prime della bellezza.
Le camere sono 77, di diversa tipologia, dalle Deluxe Room alla spettacolare William St Boulevard Suite. Tutte le sistemazioni offrono il meglio in termini di dotazioni: letti king size, controllo autonomo dell’aria condizionata e della temperatura, TV al plasma da 42 pollici con film in-house, lettore Cd e Dvd, stazione per I-Pod , copertura Internet wireless.

A disposizione degli ospiti c’è un mini-bar riccamente fornito, giornali gratuiti, prodotti cortesia di alta gamma, bollitore e tutto il necessario per preparare tè e caffè in camera oltre a una serie di servizi accessori come il parcheggio e il baby sitting. Per i piaceri del palato, il Diamant Hotel offre il ristorante Penny’s Lane. In un’atmosfera impreziosita da tocchi etnici, si possono gustare le specialità della cucina australiana e i grandi classici internazionali. Oltre al menù, di speciale c’è la vista, soprattutto al tramonto quando il sole cala sull’Harbour Bridge e tinge di rosso l’intera baia di Sydney. Il prossimo appuntamento è ora a Canberra, dove il Diamant debutterà a metà 2008.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome