Spritz Mutante

tendenze&progetti –

Zenzero, violetta, frutto della passione. Sono solo alcuni degli aromi utilizzati per rivisitare il più popolare degli aperitivi italiani. L’Oriental Bar dell’Hotel Metropole di Venezia ha lanciato il guanto di sfida ai conservatori. E ha vinto

A Venezia su certe cose non si transige. Soprattutto quando in ballo c'è la tradizione. La regola vale anche per cose apparentemente frivole come lo Spritz, che da queste queste parti non è un semplice drink, ma una bandiera. Se notate, nella nuova lista dei cocktail mondiali Iba, dove il miscelato in questione ha appena esordito, non c'è solo il nome, ma anche il cognome: Spritz Veneziano. Finché si mette in carta una selezione di Spritz rivisitati in un'altra città, come succede a Milano allo Spritz Navigli, nessuno ha da dire. In Laguna devi sfidare la diffidenza dei conservatori.
Oltre lo standard
La regola, oltre al Prosecco e al seltz, consente di aggiungere solo Aperol, Campari o l'indigeno Select. Bruno Iaconis, bar manager dell'Oriental Bar dell'Hotel Metropole, ha deciso di rompere il tabù. La nuova carta dei cocktail, oltre alle ricette più popolari, propone venticinque fancy, tra le quali le varianti allo zenzero, all'anguria, al gelsomino, al Sangue Morlacco e ai fiori di sambuco. Una sfida che, alla fine, ha convinto anche i duri e puri. Tanto che oggi i cosiddetti clienti senza valigia di questo elegante bar in stile Liberty, con vista sull'Isola di San Giorgio, sfiorano il 40% del totale. E non si tratta solo di avventori in vena di una bevuta fuori ordinanza.
«I veneziani all'inizio storcevano il naso, ma sono riuscito nell'impresa. Molto presto, sono arrivati i sorrisi e i riconoscimenti. Per convincerli ho fatto la cosa che mi riesce meglio: lavorare più in sala, che dietro al banco. Non è sufficiente compilare una lista solo per fare numero. Per impressionare il pubblico devi divulgarla nel modo corretto».
Festa in maschera
Visto che ci troviamo nella città del Carnevale, abbiamo chiesto a Iaconis quale maschera farà indossare allo Spritz: «Non faccio programmi a lungo termine. Prima c'è da pensare ad Halloween, Natale e Capodanno. Da quando abbiamo rilanciato il bar con la nuova lista o con eventi come il Rito del Tè, di tempo ne è rimasto davvero poco. Preferisco concentrarmi sugli impegni a breve distanza». Vorrà dire che torneremo al Metropole, in Riva degli Schiavoni 4149, per darvi notizia sul prossimo Spritz in maschera

CONDIVIDI

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome