Aperti 24 ore ovunque

Caffetterie –

Due format, con e senza corner per la vendita di prodotti food e no food, servizio wi fi e vending machine: i nuovi eni café alla conquista dell’Italia

bargiornale 07_12

È già oggi la catena di bar in franchising più grande d’Italia, presente in tutte le province con i suoi oltre 550 locali: ma eni café sarà ancora più grande entro un paio di anni, visto che punta a superare i 1.000 punti vendita entro il 2015 e a diventare anche la più capillare.
Dopo aver sostituito lo storico marchio Agip con il brand della capogruppo, Eni sta approcciando in un modo nuovo le sue 4.500 stazioni di servizio, facendole oggetto di un restyling totale che puntano a creare un “mondo” aperto 24 ore su 24, sette giorni alla settimana. Anche perché, grazie alle recenti liberalizzazioni e complice la riduzione dei consumi di benzina e diesel registrata negli ultimi mesi (-10,3% nei primi 5 mesi del 2012) tutta la componente “non oil” dei distributori diventa ancora più preziosa per generare traffico e fare cassa.
Le nuove stazioni Eni vogliono coniugare l’efficienza e l’innovazione di una rete funzionale con l’accoglienza, proponendo un’offerta completa di prodotti, servizi e soluzioni per semplificare la vita e soddisfare le esigenze dei clienti in ogni momento. Il target si identifica con automobilisti, camionisti e pedoni, di 25-55 anni, per il 65% uomini.
Da qui la scelta di installare sui piazzali una serie di vending machine di ultima generazione che distribuiscono una gamma molto ampia di prodotti, acquistabili in tutta comodità quasi senza bisogno di scendere dall’auto: dal caffè alle bevande fredde, dagli snack ai panini freschi, dal latte fresco ai prodotti per la cura della persona. Sono già oltre 200 gli enishop24 in funzione, principalmente nelle grandi città, ma l’obiettivo è di arrivare a 800 entro fine anno.

Con e senza negozio

Il restyling delle stazioni di servizio ha coinvolto ovviamente anche la parte di somministrazione e ristorazione, che è stata articolata in due format: i 350 eni café e i 200 eni café & shop (bar abbinati a corner per la vendita di prodotti alimentari e per la cura dell’auto). Obiettivo: offrire un livello di servizio più alto e più vicino alle esigenze dei clienti, sia in termini di orari che di offerta e di convenienza, puntando su qualità dei prodotti e del servizio, italianità, servizio e innovazione.
Ecco allora che l’apertura è stata anticipata alle 6.30 del mattino e che ai clienti vengono messe a disposizione ogni giorno due ore di navigazione gratuita su Internet mediante una connessione wi fi.
Anche l’offerta degli eni café è in costante evoluzione. Basata su ingredienti e ricette che valorizzano il patrimonio gastronomico delle regioni italiane, propone un’ampia offerta di caffetteria, prodotti per la prima colazione, una gamma di panini e focacce e una selezione di primi piatti e insalate, ossia tutto quelle che serve per una pausa di qualità a costi contenuti. Ad esempio, al momento del breakfast è stata lanciata un’offerta per la colazione all’italiana (cornetto più cappuccino) a solo 1,50 euro. Del resto la colazione è lo “zoccolo duro” degli incassi, visto che rappresenta il 58% delle consumazioni contro il 20% del pranzo e il restante 22% degli orari intermedi della giornata. I best seller nella somministrazione sono il caffè espresso e i cornetti alla crema e alla marmellata per la parte di caffetteria e pasticceria.
Per quanto riguarda gli snack salati dominano le schiacciate, in particolare l’Emiliana (coppa di Parma, mozzarella, pomodoro rosso, valeriana e patè di olive) e la Toscana (salame ubriachello toscano e pecorino).

Pubblica i tuoi pensieri