Ad Andrea Ottaiano la prima sfida di Barocker Competition

È Andrea Ottaiano ad aggiudicarsi il primo round di Barocker Competition 2016, il cocktail contest tra i bartender targati Hard Rock Cafe. La prima sfida italiana della quarta edizione del concorso, organizzata in collaborazione con Red Bull, si è svolta all’Hard Rock Cafe di Venezia, dove a contendere la vittoria a Ottaiano c’erano altri due barman del Cafe veneziano, Giancarlo Santoro e Gianmarco Senis.

Due le prove previste dal concorso, ed entrambe che hanno come protagonisti i signature cocktail, alcolici e analcolici, dell’Hard Rock Bar: Speed round, nella quale i Barocker hanno due minuti di tempo per eseguire tre drink Hard Rock nel modo più veloce e accurato possibile, e Showmanship round, dove si valuta la capacità di stupire e intrattenere il pubblico durante la preparazione del drink.

A giudicare le performance dei concorrenti una giuria formata da Albert Marzinotto, producer, dj e musicista vincitore di Top Dj 2015, Gaia Dall’Oglio, influencer veneta e fondatrice del blog/community Sgaialand.it, Riccardo Avolio, operation manager di Hard Rock Cafe Venezia, e Michael Libanore, musketeer per Red Bull.

Ottaiano ha trionfato completando nella prova di velocità e accuratezza una reinterpretazione in chiave rock del Mojito, e i classici Hard Rock Cafe HurricaneI e Bahama Mama, realizzato con i rum delle Bahamas, e proponendo nella seconda prova Air Mexico e Rockin’ Mango Tango. 

Con questa vittoria il best bartender in Venice si è aggiudicato il diritto a rappresentare l’Hard Rock Cafe veneziano alla finale europea della competizione, in programma ad Atene il prossimo novembre. Ad accompagnarlo dall’Italia saranno anche i vincitori delle local Barocker competition dei Cafe di Roma (appuntamento il 13 ottobre) e Firenze (4 novembre). Il vincitore della finale europea avrà poi la possibilità di approdare alla finalissima mondiale che si disputerà a Panama a gennaio.

CONDIVIDI

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here